Nerd Rock Cafè

STAYROCK STAYNERD

Una giornata ad Akihabara

Sappiamo tutti che il Giappone è la terra dei Samurai e delle Geishe, del Ramen e degli Onigiri, dei cessi riscaldati e dei palpatori seriali sui treni (che arrivano sempre in orario!) e ovviamente dei manga e degli anime.

Forse, però, non tutti sanno che a Tokyo esiste un quartiere dove il sogno di tutti (noi) i nerd diventa realtà: il suo nome è Akihabara.

La Stazione di Akihabara

La Stazione di Akihabara

Ogni volta che passo per il Giappone (voi non lo sapete, ma il Vostro Scrivente qui presente è un milionario stile Tony Stark, che gira il mondo tutto l’anno) una capatina ad Akiba ,abbreviazione amicale che i JappoAmici usano per chiamare il posto, la fa sempre.
È d’obbligo precisare che, durante il tragitto del treno che porta alla fermata, ogni Nerd che si rispetti fa preghiere rituali che possano proteggerlo dalle maledizioni che si autoinfliggerà in seguito a causa delle folli spese che senza dubbio farà nell’arco di neanche trenta minuti, e che lo faranno presto tornare a casa senza un soldo.
Grazie all’aiuto di un guru d’eccezione (la mia fidanzata minacciosa), nel mio ultimo viaggio sono riuscito a girare per un’intera giornata ad Akiba SENZA SPENDERE UNO YEN; vi assicuro che ho visto cose di cui ignoravo l’esistenza.

All’uscita dalla stazione JR di Akihabara, vi accoglierà fin da subito una sensazione di euforia, mista a godimento fisico e mentale: non importa da che angolo uscirete, vi si pareranno davanti agli occhi palazzi di dieci piani, con facciate piene di personaggi “kawaii”, di scritte molto familiari come “Atari”, “Sega” (…la scritta blu che ha reso famoso Sonic! In questo caso, quindi, non è da considerarsi un’offesa!), “Nintendo” e da una moltitudine di suoni strani e musichette insistenti ai quali vi abituerete da subito.

Una volta addentrati tra le vie del quartiere, noterete che i negozi di elettronica sono in bella vista un po’ ovunque, alternati qua e là a ogni tipo di ristorante e ristorantino tipico. Non preoccupatevi quindi, ad Akiba non si muore di fame, anzi, potrete trovare ogni tipo di cibaria. Unico problema, vedrete che molti Nerd come voi, presi dall’ansia sfrenata da shopping, mangeranno per strada, o al massimo seduti a bordo strada in maniera molto vorace, per riempire velocemente la panza e poter proseguire presto con gli acquisti (in molti negozi non è possibile mangiare all’interno, nonostante siano aperti e sulla strada)

I prezzi sull’elettronica sono molto competitivi, quindi vi consiglierei di non sbavare dietro al primo Ipad Air a 20.000 Yen che vedete: esistono infatti molti negozi di seconda mano nella zona Kappabashi Dori e, nonostante la trattativa in JappoLingua potrebbe risultare difficile, ricordatevi che dalla vostra avete il fatto di essere italiani con il nostro gesticolare maestro.
Come accennato nell’introduzione, Akihabara è anche e soprattutto il regno degli Otaku (in Giappone essere considerato un otaku non è proprio il complimento migliore che si possa ricevere, a dispetto di quanto possa sembrare qui!); ogni zona del quartiere è sovrappopolata di negozi e negozietti che vendono qualsiasi cosa un amante di manga, anime e videogames possa desiderare.
Non starò ad annoiarvi quindi con la descrizione e l’indirizzo di ogni negozio specializzato nel settore, vi rovinerei il vostro giro ad Akiba. No, vorrei soffermarmi sulle sensazioni che si avvertono; potrebbe sembrare scontato pensare che una volta visto un negozio del genere, si siano visti tutti. In parte forse è vero, chi vende action figures di anime sicuramente ha la sezione Hentai dietro una tendina e gli ultimi arrivi in vetrina, come un manga shop avrà in bella vista all’entrata tutte le ultime uscite perfettamente impacchettate e impilate le une sulle altre.
Il bello di questi negozi è vedere che in Giappone tutto questo è la normalità.
Il bello di questi negozi è vedere, nello stesso posto, lo stesso fumetto sfogliato da un quindicenne e da un quarantenne contemporaneamente (non lo stesso fumetto, eh?!? Una copia ciascuno!)
Il bello di questi negozi è vedere che ci sono tantissime persone Otaku quanto te (nessun complimento, neanche questa volta!) che passano giornate intere alla ricerca del pezzo da collezione mancante, del numero che completa una serie e del retro videogame a cui giocavi da bambino.
Forse è retorico e scontato da dire, ma ad Akiba ti senti davvero parte di un mondo coloratissimo, divertente, avvincente e nel mio caso sporcaccione (adoro gli Hentai… di brutto).

Il massimo è alternare il giro del porcello con una giocata al pachinko, visto che anche questo quartiere è pieno di sale con gli ultimi arrivi, oppure una partitina a qualche videogame.
Le sale giochi sono davvero uno spasso: puoi giocare al semplice videogame arcade, al più sofisticato 3D oppure ai classici “UFO CATCHER”, quella sorta di cabinato trasparente con l’artiglio prensile che abbiamo anche in qualche sala giochi qui. La differenza sostanziale è che qui in Italia si prendono i palloni piccoli della Juve e dell’Inter, in Giappone le ultime action figures di One Piece, o i peluches a grandezza naturale di ogni sorta di personaggio anime/manga.
Personalmente adoro spendere qualche Yen nella multisala della Taito , con all’interno tutte le produzioni, vecchie e non, della casa… un tuffo negli Anni ’80, passando per il ’90 e il 2000, e una volta fuori visitare il negozio retrogame più figo del Giappone, proprio lì accanto.
In buona sostanza, che voi siate Otaku o Sporcaccioni, Samurai o Geishe, Onigiri o Temaki, se capiterete dalle parti del Giappone seguite il consiglio del vostro Capitano di fiducia: una giornata ad Akiba dovete proprio farla!

Capitano_Phat

Informazioni su capitano_phat

Nome: Patrick NickName: Capitan_Phat Età: imprecisata Altezza: 18 mele e poco più Peso: meno di quanto sembra Segni particolari: disegni indelebili sparsi un po’ qui ed un po’ li sul corpo Sport preferiti: football americano, basket, calcio, salto del tavolino ed atterramento sul divano, sollevamento pinta di birra Cibo preferito: birra Bevanda preferita: birra Birra preferita: birra Hobbies: lettura fumetti di ogni specie, TV series after hours , collezionista incallito Obiettivi per il 2015: Spodestare dal podio di grupie n.1 di Capitan America l’agente Coulson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Seguici su Twitter

Follow Nerd Rock Cafè on WordPress.com

I nostri amici

Tech and Games blog

Articoli, curiosità, recensioni su Tecnologia, Videogiochi, Applicazioni, Film e Serie Tv

EVERPOP

Books_Comics_Movies__TV Series

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

La Nicchia

fantastico italiano

Nerdy Geeky Mommy

Nerds - They're starting to breed

Lexah'arc

Forging Reality Through Words and Images

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

A Place For My Head

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto se stesso.

Batman Crime Solver

"Non è tanto chi sono, quanto quello che faccio, che mi qualifica" ________________________________________________ "It's not who I am underneath, but what I do that defines me." ("Batman Begins")

Ambassador

Un Manga. Italiano. Online. Gratuito. Devo dire altro?

IlBrancoDeiLupi

Io sono il Lupo la fame è mia compagna la solitudine la mia sicurezza. Io giaccio di notte freddo è il mio letto il vento la mia coperta. Io sono il silenzio un'ombra nella foresta impronte lungo il fiume. La mia corsa è un lungo inseguimento di scintille di fuoco dalla pietra focaia della notte. Io sono ucciso ma mai distrutto io sono il Lupo.

Le Terre dei Sogni

Libri, pensieri, parole e canzoni

Comic Playlist

il blog dei fumetti di Andrea Rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: