Nerd Rock Cafè

STAYROCK STAYNERD

Reboot… da boottare

ghostbusters-cast-maxw-650

La storia della cinematografia (intesa come sequenza di immagini) ha radici antiche, e sappiamo che “Roundhay Garden Scene”, cortometraggio di due secondi realizzato il 14 ottobre 1888 da Louis Aimé Augustin Le Prince, è considerato il primissimo film su pellicola.
Da quella data, in poco più di cento anni il cinema ha avuto un’evoluzione incredibile, e negli ultimi vent’anni, grazie alle nuovissime tecniche di computer grafica, non ci sono più limiti all’immaginazione dei registi e degli sceneggiatori.
Avrei voluto iniziare così questo articolo, proseguendo con una sfilza quasi infinita di titoli ed esempi a confermarlo, ma purtroppo ultimamente sono pochissime le pellicole degne di nota, e soprattutto ORIGINALI.
Pare proprio che a Hollywood, e non solo, sia ormai di moda rispolverare titoli già proposti e visti in passato, strizzando l’occhio soprattutto a film degli anni ’80, con la speranza che gli effetti speciali e la computer grafica di ora possano servire, loro soli, a reggere una trama che di originale non ha nulla. Peggio ancora quando malauguratamente si cerca di rielaborare in chiave moderna quelle pellicole, magari stravolgendo il sesso e/o l’etnia del protagonista (o dei protagonisti).

Notizia degli ultimi giorni a sostegno di questo è il remake dei “GHOSTBUSTERS”, LA saga sui fantasmi per antonomasia; le due pellicole di Ivan Reitman del 1984 e del 1989 (“Ghostbusters – Gli acchiappafantasmi” e “Ghostbusterts II”) hanno avuto un enorme successo a metà degli anni ‘80, facendo poi seguire ai film una riuscita serie a cartoni animati, tantissimi gadgets e la fortuna degli attori (tra di loro ricordiamo l’immenso Bill Murray, Dan Aykroyd anche sceneggiatore dei film, Sigourney Weaver, Rick Moralis…).
I quattro scienziati dei film originali erano, appunto, scienziati. Con la I. Il nostro reboot del trentesimo anniversario della serie sarà invece interpretato da quattro fanciulle. Con la E.
Non fraintendetemi, nulla contro le donne (anzi…!), ma non riesco a capire e tantomeno a condividere il senso di questa scelta. Siamo tutti concordi che nel 2015 il girl power delle Spice Girls è ormai punto fermo della società evoluta, quindi riproporre un titolo che non è solo un filmetto, ma una pietra miliare di noi teenager di quel periodo, nonché della cinematografia in generale, stravolgendo i protagonisti, sembra non solo un azzardo, ma proprio una mossa senza senso (ammesso che non si voglia esportare il film in Medio Oriente e farci uno studio sociale sulle uguaglianze uomo/donna dal 1984 al 2015).

Sono un sessista? Aspettate allora, perché a breve mi darete anche del razzista.

Sì, perché la storia che la Torcia Umana (personaggio che tra l’altro occupa un posto nel mio personalissimo podio dei personaggi Marvel preferiti) nel prossimo reboot dei Fantastici 4 targato Marvel sarà un carinissimo ragazzetto di colore, proprio non mi va giù.


Passi il fatto del reboot (io sono forse tra i pochi che hanno apprezzato i primi due film dei FF), ma perché stravolgere la storia originale della squadra degli eroi ideati da Lee & Kirby? Per chi non lo sapesse, la Torcia Umana, all’anagrafe Johnny Storm, è un bel ragazzotto bianco, fratello dell’altro membro del gruppo e unica donna Susan. Sue anche è bianca.
Fratello e sorella, uno bianco e uno nero; sprecheranno i primi quindici minuti di film a spiegare quanto erano moderni e multirazziali papà e mamma Storm?
Perché dover per forza ringiovanire, ridefinire, risistemare delle trame e dei personaggi che dalla loro creazione erano fatti in un certo modo?

Ammetto di essere molto conservatore per quanto riguarda questo genere di cose, e mi aspetto una valanga di opinioni diverse dalla mia, ma sono abbastanza stanco di questo cinema senza idee, che torna indietro a ripescare storie già viste, riproponendocele in salsa diversa, dal momento che trame originali e personaggi nuovi fanno fatica a venire fuori.
Non so se a voi sia piaciuto il nuovo super moderno e lucidissimo Robocop, nella sua nuova suit anche in nero. Io preferisco di gran lunga quello roboticamente goffo degli anni ’90.

Non mi sembra il caso di aprire la parentesi remake dei film horror, altrimenti potrei seriamente pensare di convertirmi a qualche forma di estremismo e attaccare Hollywood… vi lascio solo un nome: “Nightmare on Elm Street”.
Sono in trepidante attesa per questo vociferare, prima confermato e ora smentito, del remake di un’altra pellicola passata alla storia del cinema, per diverse ragioni. Sto parlando de “Il Corvo” (The Crow).
Non mi stupirei se con l’arrivo del primo trailer l’amato e tormentato Eric Draven diventasse Myu-Chai Draven, una giovanissima ragazza thailandese (anzi no! Nell’epoca moderna vanno di moda le persone mediorientali… facciamo pakistana) in cerca di vendetta per la morte del fidanzato coreano per le strade di Berlino (cambiamo anche città, va) vestita da Ronald Mc Donald.
Il Capitano_Phat

Informazioni su capitano_phat

Nome: Patrick NickName: Capitan_Phat Età: imprecisata Altezza: 18 mele e poco più Peso: meno di quanto sembra Segni particolari: disegni indelebili sparsi un po’ qui ed un po’ li sul corpo Sport preferiti: football americano, basket, calcio, salto del tavolino ed atterramento sul divano, sollevamento pinta di birra Cibo preferito: birra Bevanda preferita: birra Birra preferita: birra Hobbies: lettura fumetti di ogni specie, TV series after hours , collezionista incallito Obiettivi per il 2015: Spodestare dal podio di grupie n.1 di Capitan America l’agente Coulson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 febbraio 2015 da in capitanophat, film con tag , , , , , , , , , , .

Categorie

Seguici su Twitter

Follow Nerd Rock Cafè on WordPress.com

I nostri amici

Tech and Games blog

Articoli, curiosità, recensioni su Tecnologia, Videogiochi, Applicazioni, Film e Serie Tv

EVERPOP

Books_Comics_Movies__TV Series

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

La Nicchia

fantastico italiano

Nerdy Geeky Mommy

Nerds - They're starting to breed

Lexah'arc

Forging Reality Through Words and Images

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

A Place For My Head

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto se stesso.

Batman Crime Solver

"Non è tanto chi sono, quanto quello che faccio, che mi qualifica" ________________________________________________ "It's not who I am underneath, but what I do that defines me." ("Batman Begins")

Ambassador

Un Manga. Italiano. Online. Gratuito. Devo dire altro?

IlBrancoDeiLupi

Io sono il Lupo la fame è mia compagna la solitudine la mia sicurezza. Io giaccio di notte freddo è il mio letto il vento la mia coperta. Io sono il silenzio un'ombra nella foresta impronte lungo il fiume. La mia corsa è un lungo inseguimento di scintille di fuoco dalla pietra focaia della notte. Io sono ucciso ma mai distrutto io sono il Lupo.

Le Terre dei Sogni

Libri, pensieri, parole e canzoni

Comic Playlist

il blog dei fumetti di Andrea Rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: