Nerd Rock Cafè

STAYROCK STAYNERD

Kingsman un agente segreto su misura

download

Ma la domenica voi che fate? Io ho approfittato dell’ultima per andare al cinema a vedere un film che aspettavo da un po’ di tempo – Kingsman: The Secret Service – diretto e prodotto da quella testa matta di Matthew Vaughn, uno che ha lavorato con Guy Ritchie (Lock and Stock) ed è stato ad un passo dal dirigere il nuovo Star Wars, così, tanto per dirvelo nel caso non sappiate chi fosse.
Kingsman è l’adattamento cinematografico di una miniserie a fumetti intitolata Secret Service, scritta da Mark Millar e Dave Gibbons e pubblicata in sei numeri tra il 2012 e il 2013 dalla Marvel Icons.
Millar nel corso della sua carriera ci ha abituati a fumetti d’azione ricchi di ironia, sopratutto quelli legati alla sua linea originale, chiamata MillarWorld, sono delle autentiche perle che fondono personaggi comuni, azione al massimo livello, scene di quotidiana follia e assurdità che ci fanno domandare cosa stiamo effettivamente leggendo. Le opere di Millar sono audaci, irriverenti e al di fuori dei canoni classici del supereroe, pur avendo lavorato egregiamente sia per la Marvel, (i fans sbavano ancora al solo pronunciare Civil War) che per la Dc, ritengo che il meglio di se lo abbia dato con opere come Wanted, la trilogia di Kick-Ass e Secret Service, tre storie differenti con protagonisti originali ma legate profondamente tra loro per la tipologia della narrazione e per le situazioni che l’autore riesce a creare con la sua mente geniale, se poi aggiungete le matite di Dave Gibbons, cioè il co-autore di Watchmen (Alan Moore vi dice nulla?) il successo è garantito.
Ma abbandoniamo per un attimo il fumetto per ritornare al film, il cast è di tutto rispetto: Colin Firth, Michael Caine e l’ormai onnipresente Samuel L. Jackson (avete presente quando in un film vedete uno di colore? Ecco quello è Sam L. Jackson). L’adattamento è fatto benissimo e a parte alcune lievi differenze si può dire che la trasposizione su pellicola è assolutamente perfetta e fedele all’opera originale, la spystory che ci viene raccontata è brillante e vecchio stampo, con agenti segreti in stile primissimo Bond, armi nascoste negli ombrelli e nelle penne, granate a forma di accendini e telefoni nascosti nei tacchi delle scarpe.


Gary giovane londinese di periferia vive la sua vita alla giornata, tra pub, liti con il patrigno e problemi con la polizia, senza lavoro senza cultura adeguata e senza prospettive nonostante la spiccata intelligenza Gary è il tipico figlio della generazione Y, ma ecco arrivare in suo soccorso il Gentleman Harry Hart, superspia dai modi raffinati e impeccabili che vede nel giovane un potenziale straordinario e decide di prenderlo sotto la sua ala per farlo diventare a tutti gli effetti un agente segreto.
Il nostro eroe dovrà affrontare mille difficoltà per raggiungere il suo scopo cercando di adattarsi a un ruolo non suo, circondato da giovani snob che faranno di tutto per non farlo emergere in quello che considerano il loro parco giochi personale.
Non poteva di certo mancare il cattivo di turno Richard Valentine interpretato da un magistrale Samuel L.Jackson, un cattivo vecchio stampo che vuole conquistare il mondo, e tenerlo in scacco con il suo personale raggio della morte. Miliardario, Nerd, con la zeppola e una fidanzata/guardia del corpo con protesi assassine al posto delle gambe, non vi basta?
Le scene di violenza sono spesso esasperate e rese al limite del ridicolo, in puro stile Millar, la violenza non manca assolutamente ma di sangue se ne vede molto poco, per intenderci scordatevi scene splatter di Tarantiniana memoria. Non è questo quel genere di film, stiamo parlando di un’opera unica e a mio avviso geniale, divertente ma allo stesso tempo drammatica, tutto va molto veloce, amore, violenza, azione, amicizia, tutto si fonde e schizza via lasciandoci esterrefatti e indifferenti allo stesso tempo, tutto quello che ci aspettiamo di importante viene banalizzato dando invece risalto al resto così da creare scene intense e introspettive ma al limite dell’assurdo.
Non è un film che piacerà a tutti ne sono conscio, anzi credo che il pubblico medio lo troverà abbastanza stupido, ma chi riuscirà a vedere l’arte e il genio di Mark Millar e di Matthew Vaughn nel descrivere una persona comune alle prese con un mondo fatto di armi assurde e cattivoni vecchio stampo non potrà che adorarlo e desiderare una abito Kingsman fatto su misura.

Nota: sono abbastanza certo che nessuno di noi potrebbe mai diventare un Kingsman, a voi lo scoprire il perché.

Informazioni su Stex

Stex nasce a cavallo tra gli anni '70 e '80,nello stesso periodo in cui escono le sigle di Jeeg Robot e Capitan Harlock o film del calibro di Flash Gordon,Interceptor e 3 Superman contro il Padrino. A 4 anni compone il suo primo romanzo ma non sapendo scrivere non vi sono copie cartacee dello stesso,a 14 un suo fumetto satirico potrebbe cambiare per sempre il mondo dei comics ma il giovane si dedica con più interesse alla scoperta della biologia umana tramite l'autoerotismo,scriverà un saggio sull'argomento che non verrà mai pubblicato con la scusa di:" Ma hai toccato i fogli con le mani?" Adoratore di Stan Lee,drogato di serie Tv, dai 20 ai 22 anni si è espresso solo tramite citazioni di film, ama la musica,sopratutto quella che sente solo lui. Possiede un drago viola immaginario di nome Ciotola e alcune personalità multiple che si esprimono in forma scritta tramite parentesi.

Un commento su “Kingsman un agente segreto su misura

  1. Pingback: Kingsman partono le riprese dell’atteso sequel | Nerd Rock Cafè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Seguici su Twitter

Follow Nerd Rock Cafè on WordPress.com

I nostri amici

Tech and Games blog

Articoli, curiosità, recensioni su Tecnologia, Videogiochi, Applicazioni, Film e Serie Tv

EVERPOP

Books_Comics_Movies__TV Series

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

La Nicchia

fantastico italiano

Nerdy Geeky Mommy

Nerds - They're starting to breed

Lexah'arc

Forging Reality Through Words and Images

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

A Place For My Head

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto se stesso.

Batman Crime Solver

"Non è tanto chi sono, quanto quello che faccio, che mi qualifica" ________________________________________________ "It's not who I am underneath, but what I do that defines me." ("Batman Begins")

Ambassador

Un Manga. Italiano. Online. Gratuito. Devo dire altro?

IlBrancoDeiLupi

Io sono il Lupo la fame è mia compagna la solitudine la mia sicurezza. Io giaccio di notte freddo è il mio letto il vento la mia coperta. Io sono il silenzio un'ombra nella foresta impronte lungo il fiume. La mia corsa è un lungo inseguimento di scintille di fuoco dalla pietra focaia della notte. Io sono ucciso ma mai distrutto io sono il Lupo.

Le Terre dei Sogni

Libri, pensieri, parole e canzoni

Comic Playlist

il blog dei fumetti di Andrea Rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: