Nerd Rock Cafè

STAYROCK STAYNERD

Nuovo MacBook, la nostra recensione a caldo

macbookair

La casa di Cupertino nella sua ultima presentazione ha finalmente rimesso sul mercato il MacBook, il grande assente tra i portatili Apple era infatti stato, da qualche anno, soppiantato dalle versioni Pro ed Air.
Il nuovo MacBook si presenta come un’innovazione della tecnica sia per quanto riguarda le dimensioni sia per quanto riguarda la tecnologia, sarà infatti il notebook più piccolo di sempre con uno spessore di soli 13,1 mm.
Tastiera e Trackpad sono stati completamenti riprogettati per poter stare e funzionare adeguatamente in uno spazio così piccolo. La vera rivoluzione di questo Macbook è l’unica presa Usb-C. Si avete sentito bene, nel nuovo notebook targato Apple c’è solo una presa usb di nuova concessione che servirà per tutto, dalla ricarica al collegamento di una memoria esterna utilizzando ovviamente gli adeguati adattatori.
Le opinioni in merito a questa scelta sono le più disperate, noi proviamo a fare un piccolo riassunto.
Il nuovo macbook nasce per essere utilizzato in mobilità, schermo da 12” peso ridotto all’osso (0,9 kg) e come detto spessore infinitesimale, sembra più un ipad con la tastiera fisica che non un computer portatile, ma con tutte le potenzialità di un processore Intel Core M dual-core. La batteria integrata ai polimeri di Litio, con 9 ore di autonomia wireless o 10 di riproduzione video, completa le caratteristiche mobili di questa macchina eccezionale.
Il poco spessore e quindi lo spazio ridotto a disposizione hanno costretto gli ingegneri di Cupertino a trovare soluzioni differenti per quanto riguarda le connessioni, il Macbook è pensato per collegarsi totalmente in wireless, come detto ha a disposizione una sola presa Usb-C che viene utilizzata sia per la ricarica che per la connessione a memorie esterne con velocità Usb3 o per periferiche video esterne. Dal punto di vista mobile questa scelta è sicuramente interessante e azzeccata,con la batteria carica e fuori sede l’utilizzo di periferiche si limita a chiavette usb o memorie esterne, mentre un’eventuale stampante può essere usata in wireless non creando nessun tipo di disguido all’utente, che può invece godere del design leggero e poco ingombrante. Il problema si pone invece per quei professionisti che utilizzano il computer sia in mobilità sia in sede, magari con uno schermo esterno, l’unica presa infatti non consente di caricare il Macbook e contemporaneamente utilizzare una memoria esterna o uno schermo.
I professionisti rischiano quindi di dover acquistare sia un portatile che un computer fisso dove poi riversare i dati acquisiti in mobilità, alternativa migliore sarebbe invece acquistare un Mac della linea Pro o Air.
Altra nota dolente è il prezzo, il MacBook è stato sempre il “piccolo” di casa Apple, un prezzo ridotto rispetto ai fratelli maggiori e più alla portata di studenti o professionisti senza troppe esigenze. Ricordiamoci che il boom Apple, sopratutto in Italia, è avvenuto tra il 2008 e il 2010 con MacBook a 999 euro (anche meno con le offerte) un prezzo seppur più elevato rispetto ad Acer o Hp ma comunque alla portata di molti e con in cambio prestazioni decisamente maggiori rispetto ai concorrenti. Questo nuovo Macbook costa invece 1500 euro, un prezzo abbastanza elevato sia per uno studente che per un professionista sopratutto visto il limite per quanto riguarda l’uso “fisso”; un costo elevato sopratutto rapportato ai fratelli della linea Pro ed Air che hanno una base di partenza inferiore.

Tirando le somme le potenzialità del nuovo nato di casa Cupertino sono stupefacenti e indiscutibili (da valutare quanto scalderà in così poco spazio, ma viste le esperienze con Air siamo fiduciosi) ma sono convinto che questo portatile sarebbe in grado di uccidere i concorrenti solo con un prezzo inferiore, diciamo intorno ai 1000 euro, ma come sempre l’ardua sentenza alle vendite.

Informazioni su Stex

Stex nasce a cavallo tra gli anni '70 e '80,nello stesso periodo in cui escono le sigle di Jeeg Robot e Capitan Harlock o film del calibro di Flash Gordon,Interceptor e 3 Superman contro il Padrino. A 4 anni compone il suo primo romanzo ma non sapendo scrivere non vi sono copie cartacee dello stesso,a 14 un suo fumetto satirico potrebbe cambiare per sempre il mondo dei comics ma il giovane si dedica con più interesse alla scoperta della biologia umana tramite l'autoerotismo,scriverà un saggio sull'argomento che non verrà mai pubblicato con la scusa di:" Ma hai toccato i fogli con le mani?" Adoratore di Stan Lee,drogato di serie Tv, dai 20 ai 22 anni si è espresso solo tramite citazioni di film, ama la musica,sopratutto quella che sente solo lui. Possiede un drago viola immaginario di nome Ciotola e alcune personalità multiple che si esprimono in forma scritta tramite parentesi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11 marzo 2015 da in tecnologia con tag , , , , , , , , , .

Categorie

Seguici su Twitter

Follow Nerd Rock Cafè on WordPress.com

I nostri amici

Tech and Games blog

Articoli, curiosità, recensioni su Tecnologia, Videogiochi, Applicazioni, Film e Serie Tv

EVERPOP

Books_Comics_Movies__TV Series

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

La Nicchia

fantastico italiano

Nerdy Geeky Mommy

Nerds - They're starting to breed

Lexah'arc

Forging Reality Through Words and Images

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

A Place For My Head

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto se stesso.

Batman Crime Solver

"Non è tanto chi sono, quanto quello che faccio, che mi qualifica" ________________________________________________ "It's not who I am underneath, but what I do that defines me." ("Batman Begins")

Ambassador

Un Manga. Italiano. Online. Gratuito. Devo dire altro?

IlBrancoDeiLupi

Io sono il Lupo la fame è mia compagna la solitudine la mia sicurezza. Io giaccio di notte freddo è il mio letto il vento la mia coperta. Io sono il silenzio un'ombra nella foresta impronte lungo il fiume. La mia corsa è un lungo inseguimento di scintille di fuoco dalla pietra focaia della notte. Io sono ucciso ma mai distrutto io sono il Lupo.

Le Terre dei Sogni

Libri, pensieri, parole e canzoni

Comic Playlist

il blog dei fumetti di Andrea Rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: