Nerd Rock Cafè

STAYROCK STAYNERD

New Avengers 21…. gli eroi non saranno più gli stessi

New_Avengers_Vol_3_21

I fumetti sono una delle mie grandi passioni e ovviamente leggendo una miriade di cose non posso sempre ricordarmi di tutto, alcuni albi passano inosservati o si perdono nella memoria, impilati gli uni sugli altri, semplici numeri tra tanti. Altri invece sono albi epici, che non si possono dimenticare per la storia, per gli autori i tremi trattati o semplicemente perché ridefiniscono lo status quo dei personaggi capovolgendo di netto tutto quello in cui crediamo.
Sarebbe facile parlare di album pubblicizzati come quello in cui muore Cap alla fine di Civil War o il più recente Amazing Spiderman 1 in cui Peter torna nel suo corpo sconfiggendo Doc Ock che per quasi un anno ne aveva preso il controllo, ma no, oggi voglio parlarvi di un numero uscito in sordina, un numero come tanti, forse anche lasciato in disparte ma che potrebbe veramente fare la differenza.
Sto parlando di IronMan 22 o, se preferite la numerazione americana, New Avengers 21. L’albo di per se sembra uno dei tanti, l’ennesima uscita del mensile di testa di ferro e la copertina è addirittura dedicata alla storia a mio giudizio meno importante, cioè quella apparsa su New avengers 20 (sempre nella numerazione U.s.a.).
Ma è nella seconda parte che avviene l’impensabile, nell’episodio intitolato “La Bomba” continuano le vicende del gruppo degli Illuminati, composto dalle menti più geniali della Terra 616, alla prese con il disperato tentativo di salvare il pianeta e il loro universo dalle “incursioni”.
Rapido riepilogo dei fatti: un evento di portata cosmica ha generato una contrattura tra gli universi, questa si genera tra due Terre di universi differenti i due pianeti tendono a sovrapporsi portando alla distruzione dei loro universi di appartenenza a meno che una delle due non venga distrutta salvando di conseguenza l’altra ed entrambi gli universi.
Siamo di fronte alla classica scelta presente in molte storie a fumetti, un evento drammatico, una tragica fine all’orizzonte, scelte apparentemente difficili e un manipolo di eroi che tenta di salvare la situazione, fin qui tutto nella norma. Jonathan Hickman, l’abile tessitore di questa trama, però ha voglia di uscire dalle righe, di stupirci, di sconvolgerci, per prima cosa fa si che i nostri eroi creino una bomba in grado di spazzare via un pianeta facendoci intendere che sarà usata come ultima risorsa, subito dopo fa in modo che gli eroi stessi impediscano un’incursione tramite le gemme dell’infinito (cinque gemme dai poteri diversi che se riunite permettono al possessore di alterare la realtà stessa) facendo quindi pensare a noi lettori che la pericolosissima arma creata non verrà mai usata, che ci sarà sempre un’altra possibilità, perché è questo che fanno gli eroi: trovano alternative valide prima di compiere le scelte più difficili. Infine eccoci, New Avengers 21, gli eroi di due Terre si ritrovano, hanno otto ore prima della fine dell’incursione, otto preziosissime ore per trovare una soluzione che salvi tutto, una parola di troppo e parte l’inevitabile scazzottata che precede quello che ci aspettiamo, il TeamUp che risolverà tutto, il lieto fine e le risate distensive tra i protagonisti, e invece NO!!


Fino alla classica scazzottata Hickman segue le regole ma poi succede l’impensabile, i nostri eroi, quelli che amiamo, quelli che ci hanno sempre difeso ed insegnato i valori più alti e puri uccidono i loro avversari, li spazzano letteralmente via piazzando la bomba e ritornano infine sulla loro Terra. Il più ormai è fatto, la linea oltrepassata, la decisione difficile presa, qualche milione di persone sacrificate per salvarne miliardi, uno scambio certamente equo e razionale ma a cui noi non siamo abituati,ma basta un attimo per schiarirsi le idee, il ripensamento di uno, due , tre dei nostri paladini,il senso di colpa, ecco ci siamo l’idea geniale che salverà tutti, invece BOOM, una Terra è morta per salvare due universi e nulla potrà essere più lo stesso.

Informazioni su Stex

Stex nasce a cavallo tra gli anni '70 e '80,nello stesso periodo in cui escono le sigle di Jeeg Robot e Capitan Harlock o film del calibro di Flash Gordon,Interceptor e 3 Superman contro il Padrino. A 4 anni compone il suo primo romanzo ma non sapendo scrivere non vi sono copie cartacee dello stesso,a 14 un suo fumetto satirico potrebbe cambiare per sempre il mondo dei comics ma il giovane si dedica con più interesse alla scoperta della biologia umana tramite l'autoerotismo,scriverà un saggio sull'argomento che non verrà mai pubblicato con la scusa di:" Ma hai toccato i fogli con le mani?" Adoratore di Stan Lee,drogato di serie Tv, dai 20 ai 22 anni si è espresso solo tramite citazioni di film, ama la musica,sopratutto quella che sente solo lui. Possiede un drago viola immaginario di nome Ciotola e alcune personalità multiple che si esprimono in forma scritta tramite parentesi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 marzo 2015 da in comics, fumetti con tag , , , , , , , , .

Categorie

Seguici su Twitter

Follow Nerd Rock Cafè on WordPress.com

I nostri amici

Tech and Games blog

Articoli, curiosità, recensioni su Tecnologia, Videogiochi, Applicazioni, Film e Serie Tv

EVERPOP

Books_Comics_Movies__TV Series

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

La Nicchia

fantastico italiano

Nerdy Geeky Mommy

Nerds - They're starting to breed

Lexah'arc

Forging Reality Through Words and Images

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

A Place For My Head

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto se stesso.

Batman Crime Solver

"Non è tanto chi sono, quanto quello che faccio, che mi qualifica" ________________________________________________ "It's not who I am underneath, but what I do that defines me." ("Batman Begins")

Ambassador

Un Manga. Italiano. Online. Gratuito. Devo dire altro?

IlBrancoDeiLupi

Io sono il Lupo la fame è mia compagna la solitudine la mia sicurezza. Io giaccio di notte freddo è il mio letto il vento la mia coperta. Io sono il silenzio un'ombra nella foresta impronte lungo il fiume. La mia corsa è un lungo inseguimento di scintille di fuoco dalla pietra focaia della notte. Io sono ucciso ma mai distrutto io sono il Lupo.

Le Terre dei Sogni

Libri, pensieri, parole e canzoni

Comic Playlist

il blog dei fumetti di Andrea Rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: