Nerd Rock Cafè

STAYROCK STAYNERD

C’era una volta World of Warcraft parte 1

TRUYLHWUNZC61383846726306 Tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta di World of Warcraft (WoW, d’ora in poi). Otto milioni di giocatori in tutto il mondo (con un picco di dodici), cinque espansioni e dieci anni di vita. Purtroppo però, col tempo, i punti cardine dell’originale WoW sono andati persi a favore di un numero più alto di abbonati. A ogni espansione, infatti, la difficoltà veniva inesorabilmente abbassata per rendere il gioco sempre più “user friendly”. Fa piacere però leggere diversi post sul forum ufficiale Blizzard (la software house creatrice), dove diversi players chiedono a gran voce un server old style, con le dinamiche e le qualità del gioco uscito nel 2004. Di contro, la Blizzard ha sin da subito dichiarato di non voler mettere online dei server dedicati a vecchie versioni del gioco. In seguito a questa risposta, sono nati, negli ultimi anni, dei server di gioco privati che propongono WoW in versione “Vanilla”, ovvero quella originale, a titolo gratuito. Purtroppo la qualità dell’esperienza non è paragonabile al servizio originale, quindi molto spesso, a causa dei bugs di gioco, questi server sono deserti. Fa quindi piacere (a me e a migliaia di giocatori) venire a sapere che da meno di un mese è stato aperto un nuovo server europeo (Nostalrius), stabile, popolato e completamente identico alla prima versione di WoW. Quindi, quale occasione migliore di questa per far vedere ai gamers di nuovo pelo cosa si sono persi?

Benvenuti su Nostalrius

Dopo aver installimage1ato il client versione 1.12.1 clicco sulla famigliare icona di WOW e… Eccoci tornati nel 2004. Già dalla schermata di login si intravede qualche differenza dall’attuale versione di gioco (6.2). Non c’è la possibilità, per esempio, di cambiare le impostazioni video o di interfaccia, e si può salvare solo il nome dell’account e non la password. Naturalmente, anche l’immagine di sfondo è diversa. Come molti giocatori sanno, infatti, lo sfondo viene cambiato a ogni espansione. Anche la musica di sottofondo è diversa, ma questi sono dettagli: il meglio deve ancora venire. image2 Arriviamo ora alla schermata di selezione server, dove vado a selezionare Nostalrius Begin, che mi porterà poi al prossimo step, quello dove si deciderà il mio ruolo all’interno del mondo di gioco.

Ho la possibilità di scegliere tra otto razze divise in due schieramenti: l’Orda e l’Alleanza. Non si tratta di buoni e cattivi (per il lore di Warcraft vi rimando alla pagina di Wikipedia), ma di due fazioni con obiettivi diversi. L’Alleanza annovera fra le sue fila Umani, Nani, Elfi della Notte e Gnomi. L’Orda, invece, mette in campo Orchi, Non-Morti, Tauren e Troll.
Le scelte non finiscono qui: oltre all’aspetto del personaggio, dovrò sceglierne la classe. Le classi sono uguali per entrambi gli schieramenti, con un’unica differenza: l’Alleanza ha tra le sue fila i Paladini, mentre l’Orda gli Sciamani. Le altre classi sono: Prete, Guerriero, Stregone, Mago, Cacciatore e Druido. Possiamo dividerle in quattro macro gruppi: classi per le cure (Prete, Druido), classi da danno (Mago, Cacciatore e Ladro), classi per “tankare”, ovvero la capacità di tenere l’attenzione di un nemico su di sé (Guerriero e Paladino) e classi di supporto (Druido e Sciamano). Le classi non possono essere applicate a tutte le razze: per inciso, un Umano non potrà essere un Cacciatore, come un Orco non potrà essere un Druido. Questo per rendere l’esperienza di gioco più in linea con il lore.

Dopo aver deciso il mio Avatar, sono pronto a entrare nel selvaggio e magico Mondo di Azeroth…

Azeroth: la nostra nuova casa

image4 Azeroth è il pianeta dove si svolge l’intera esperienza di gioco (parlo sempre di questa versione di WoW). I due continenti principali sono Kalimdor e Azeroth (stesso nome del pianeta). Si può dire che Kalimdor sia l’isola più orientata all’Orda, dato che tre razze su quattro partono proprio da qua (Orchi, Troll, Tauren e, per l’Alleanza, gli Elfi del Sangue), mentre Azeroth è più “Allies Oriented” (Umani, Nani, Gnomi e, per l’Orda, i Non-Morti). In questa mia avventura ho deciso di creare uno Gnomo mago. Come dicevo prima, il Mago è una classe di danno, e personalmente credo sia il modo più veloce per far crescere il mio Gnomo. Condividendo la zona di partenza con i Nani, mi preparo a “rinascere” nella nevosa regione di Dun Morogh.

Le prime differenze con il World of Warcraft di adesso

Quello che colpisce subito è l’ assenza di alcune icone nell’interfaccia di gioco: non è infatti presente il tasto di gruppo random. Di che parlo: nelle nuove versioni, in caso serva una mano per risolvere dei compiti più difficili del solito, esiste un sistema che rintraccia personaggi che stanno svolgendo lo stesso percorso. Qui no. Cercando di seguire una vena da gioco di ruolo, sarà il giocatore a doversi cercare un gruppo o singoli altri personaggi con cui proseguire nell’avventura. image5 Mi guardo in giro, e vedo un Nano con un punto esclamativo sulla testa. Ecco, quel NPG (personaggio controllato dal gioco) è disponibile a offrirmi un incarico che mi porterà in giro per questa zona. Altra grossa differenza: dopo aver accettato la “quest”, mi rendo conto che sulla mappa non c’è indicazione su dove devo andare. Ecco la grossa differenza tra “ieri” ed “oggi”. L’assenza di indicazioni obbliga il giocatore a cercare, esplorare e godersi i luoghi e le Regioni che compongono il pianeta Azeroth. E questa ricerca è proprio quello che secondo me ha dato un grosso colpo all’anima rpg di World of Warcraft. Mi prendo qualche istante per dare un’occhiata alle varie schermate di customizzazione del personaggio. image6 La schermata del profilo è praticamente identica alle nuove versioni, tranne che per un dettaglio: tra i vari sotto menu noto la sezione “skills”. Differentemente dalla versione odierna del gioco, per poter usare una determinata arma dovrò utilizzare la stessa più volte per aumentarne l’efficacia. Questi valori crescono proporzionatamente durante la fase di crescita del personaggio. Cambiando tipologia di arma, questo valore andrà fatto aumentare da capo. Stessa cosa vale per il valore di difesa relativo all’armatura indossata. Sempre nella schermata del profilo potrò aggiungere equipaggiamento al mio personaggio. Ho 16 slot per aggiungere pezzi di armatura, anelli e oggetti secondari. Per le armi invece ho a disposizione uno slot per mano e in più uno slot per un’arma secondaria. Questo riguarda tutte le classi. image7 Oltre al menu del personaggio apro anche il libro delle abilità (spellbook). In questa schermata posso decidere quali poteri inserire nella barra di uso rapido (a piè schermo). Per ora il mio maghetto non ha molti incantesimi di offesa. Ma siamo solo al primo livello, ci sarà il tempo per impararne altri. A lato del menu ci sono le tre icone della specializzazione. Ogni classe ha tre tipi di specializzazione, ma ne parleremo più avanti. image8 Dando un’ occhiata al resto dell’interfaccia posso notare in alto a destra la minimappa, sotto di essa le barre di azione rapida verticali. In basso a sinistra trova posto la chat per comunicare con gli altri giocatori. In basso troviamo la barra di azione rapida principale e la barra di avanzamento di livello. Bene, a quanto pare devo recuperare della carne di lupo. Al lavoro, la strada per crescere è lunga. Si comincia l’avventura. Un’avventura alla vecchia maniera. A presto per la seconda puntata di “C’era una volta World of Warcraft”.

Informazioni su Il_Moc

Adoro i Coin Op anni '90, Warhammer 40000 (senza avere un esercito, purtroppo....), Gundam, i Transformers ( tutta la G1, Headmasters e Masterforce principalmente), Jules Verne e credo negli extraterrestri. Adoro la cucina cinese, mi piace la birra, e impazzisco per i Nirvana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 maggio 2015 da in Senza categoria con tag , , , , , , , .

Categorie

Seguici su Twitter

Follow Nerd Rock Cafè on WordPress.com

I nostri amici

Tech and Games blog

Articoli, curiosità, recensioni su Tecnologia, Videogiochi, Applicazioni, Film e Serie Tv

EVERPOP

Books_Comics_Movies__TV Series

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

La Nicchia

fantastico italiano

Nerdy Geeky Mommy

Nerds - They're starting to breed

Lexah'arc

Forging Reality Through Words and Images

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

A Place For My Head

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto se stesso.

Batman Crime Solver

"Non è tanto chi sono, quanto quello che faccio, che mi qualifica" ________________________________________________ "It's not who I am underneath, but what I do that defines me." ("Batman Begins")

Ambassador

Un Manga. Italiano. Online. Gratuito. Devo dire altro?

IlBrancoDeiLupi

Io sono il Lupo la fame è mia compagna la solitudine la mia sicurezza. Io giaccio di notte freddo è il mio letto il vento la mia coperta. Io sono il silenzio un'ombra nella foresta impronte lungo il fiume. La mia corsa è un lungo inseguimento di scintille di fuoco dalla pietra focaia della notte. Io sono ucciso ma mai distrutto io sono il Lupo.

Le Terre dei Sogni

Libri, pensieri, parole e canzoni

Comic Playlist

il blog dei fumetti di Andrea Rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: