Nerd Rock Cafè

STAYROCK STAYNERD

“Morgan Lost è proprio figlio di Claudio Chiaverotti”

12366609_10208091177458821_22955234_n

Ecco il pensiero che rimane impresso nella mia testa, un po’ come la maschera tatuata sugli occhi del nuovo (anti)eroe della Bonelli dopo la piacevole chiacchierata che ho avuto con l’autore torinese, complice la presentazione del fumetto all’ultimo NOIR IN FESTIVAL di Courmayeur.
Morgan Lost infatti ha donato il suo volto per il manifesto della rassegna cinematografica valdostana che quest’anno compie 25 anni, e visto e considerato che nella nostra regione sono davvero poche le occasioni per parlare di fumetto di qualità, noi del Nerd Rock Café non potevamo che approfittarne.

Morgan Lost è un cacciatore di serial killer, che vive quella che si definisce un'”ucronia”: una New York anni ’50 con il cielo costellato da dirigibili e con contaminazioni antico egizie nell’architettura, chiamata New Heliopolis.
Morgan Lost è daltonico, vede la realtà in sfumature di grigio e di rosso: gli stessi colori delle pagine degli albi di cui è protagonista. Così si crea una sorta di tridimensionalità: noi lettori leggiamo le storie in grigio e sfumature di rosso, come se le stessimo vivendo attraverso gli occhi di Morgan Lost.
Morgan Lost era il proprietario di un cinema d’essai, e la sola violenza che conosceva era quella delle pellicole che proiettava. Mai avrebbe pensato che una sola notte avrebbe potuto cambiare la sua vita, distruggendolo. La rinascita è stata lenta e dolorosa, costellata di sofferenza, e l’ha restituito alla vita come un cacciatore di assassini” Questa è la fotografia del nuovo cavaliere oscuro secondo l’autore e la casa editrice.

Non vorrei però soffermarmi troppo sulla descrizione dell’opera, anche perché diciamocelo.. Siamo un portale di NERD, ed ogni NERD che si rispetti saprà perfettamente di cosa stiamo parlando.
Per i pochissimi che non conoscessero ancora il nuovo fumetto di casa Bonelli, e volessero approfondire la trama, i personaggi e le storie vi rimando ad una sana “googlata” con parola chiave MORGAN LOST, appunto.
M interessa maggiormente farvi capire chi è il personaggio secondo il suo creatore Claudio Chiaverotti, farvelo raccontare direttamente da suo padre e cercare di farvi comprendere e se possibile condividere il mio pensiero d’apertura. Perché alla fine dell’articolo possiate anche voi dire che “Morgan Lost è proprio figlio di Claudio Chiaverotti“.

12358063_10208091177538823_600601213_n
Cap_P : Gli addetti ai lavori ed i semplici appassionati hanno atteso con curiosità ML, creando un certo Hype che aveva alimentato anche qualche aspettativa ai più esigenti. Le prime impressioni e recensioni hanno confermato positivamente le aspettative, nonostante siano solamente 2 i numeri usciti fino ad ora. Confermi queste impressioni? Avete già qualche dato di vendita?

Claudio : Nonostante sia ancora molto presto per dirlo, i primi dati sono incoraggianti e non posso che essere soddisfatto. Il primo numero è andato bene, ed anche il secondo sembra sulla stessa linea. Questo ci incoraggia a fare ancora meglio, ed a proseguire su questa strada, coscienti del fatto che siamo in un periodo generale critico, non solo per quanto riguarda il fumetto. Il fatto che ML venga venduto a 3,50 euro mi carica di una responsabilità forse maggiore verso i miei lettori, e mi sprona a dare loro il meglio e magari di originale, come la novità grafica delle sfumature di grigio e rosso.

Cap_P : Hai già dichiarato che ML sarà un fumetto “a lunga percorrenza”, in contro tendenza alle recenti uscite Bonelli (Orfani e Lukas N.d.R). Credo che tu abbia ben chiaro un arco narrativo definito, almeno per la prima parte della storia. Hai già qualche idea per il “dopo” ?!

Claudio : Al momento ho scritto e sono pronti 25 albi, e come già detto il responso è positivo. Bisogna adesso attendere il normale assestamento per avere un’idea chiara sulla linea da seguire. Nonostante una continuity di fondo, ogni albo ha una storia a sé, un po’ come una serie TV con una trama di fondo e tanti episodi autoconclusivi. Togliendo i primi due volumi di introduzione necessari alla presentazione del personaggio, divisi in un “primo e secondo tempo” per rimare in ambito film, dal terzo numero sarà chiara l’impronta che ho voluto dare, e potrete presto notare come non sarà un problema né difficile leggere il numero 7 prima del numero 5 e così via. Sono un appassionato di Film e serie TV Thriller, e ne guardo un discreto numero quando ho tempo; la possibilità di trovare idee da adattare alla storia è pressocché infinita, quindi, e mi auguro che questo non possa che aiutarmi nella serializzazione del fumetto.

Cap_P : Entrando più nel dettaglio di ML e Claudio Chiaverotti, ho una curiosità. Da lettore di vecchia data di Dylan Dog ricordo un albo scritto da te, “LA MUMMIA”, dove l’antagonista dell’indagatore dell’incubo era vestito in maniera molto simile al FINKER DEAD del tuo nuovo personaggio. Hai inoltre scritto un romanzo, “Delitto al museo Egizio”, dove accennavi ancora a questa antica civiltà. Sei affascinato dall’antico Egitto e dal suo fascino senza tempo?

Claudio : Prima di tutto lascia che ti faccia un complimento (ride), perché io stesso non ricordavo della similitudine tra il killer del volume di Dylan (I figli di Seth, n.d.r.) e quello presente in ML. Sei un lettore molto attento, dovresti venire a far parte del team che corregge le bozze ! (ride ancora).
Per quanto riguarda la civiltà egizia, assolutamente sì. La trovo molto affascinante e carica di esoterismo (anche se ho scoperto parlando con alcuni studiosi che il reale tasso di esoterismo nell’antico Egitto era più basso di quanto vediamo nei film o leggiamo) , e trovo intriganti molte delle sue divinità, cariche di significato e di facile trasposizione.
Andando avanti nella storia si scoprirà qualcosa di più anche di New Canaan/New Heliopolis, la città che ospita i grossi monumenti ispirati appunto alle divinità egizie; mi ha ispirato mettere questo genere di elementi architettonici in un’ideale metropoli anni ’50.

12351172_10208091173738728_421294925_n

Cap_P : a proposito di New Heliopolis, ho notato molte similitudini architettoniche ed atmosfere dark che ricordano grandi classici del cinema come Blade Runner e Metropolis, ed alcune citazioni da svariati film, ad esempio la cronaca dei vari super cattivi raccontata in stile “Dolly Bomba” del film “The Warriors” (In Italia, “i guerrieri della notte”) ed ancora accostamenti e rimembranze a classici del fumetto come Watchmen; sono accostamenti azzardati e troppo forzati?

Claudio : Assolutamente no. Molte atmosfere ricordano proprio questi grandi classici ed un’ispirazione di fondo c’è, come spesso capita e, forse complice la mia grande passione per il cinema, in ML è più evidente. In altri casi ML è stato erroneamente accostato a Sin City, forse anche a causa dell’utilizzo del rosso, ma ci tengo a sottolineare che Sin City è un capolavoro assoluto che non può essere imitato.. Sin City è Sin City !(ride). Come saprai in SC il rosso è utilizzato in maniera molto fantasiosa, con questo stile “graffiato” quasi unico.
L’aver introdotto l’utilizzo del rosso nelle tavole di ML è proprio per una scelta stilistica nuova, ed il desiderio di porre il lettore in soggettiva rispetto alle storie, un po’ come se loro stessi fossero ML, che ricordo è daltonico.

Cap_P : proprio riguardo alla scelta della tricromia, col rosso parte fondamentale, vuoi spiegare in che modo funzionano le indicazioni ai disegnatori e la collaborazione con essi?

Claudio: Il disegnatore lavora normalmente alle tavole dell’albo, come per un qualsiasi fumetto. In un secondo momento, ogni singola tavola viene rielaborata e trattata da un’altra ditta che lavora esclusivamente sul rosso. A mio avviso è davvero interessante notare come affiancando le tavole si vede un vero e proprio “cambiamento”, di come un disegno già bello in partenza riesca ad essere esaltato dal tipo di trattamento apportato .

Cap_P : Hai dichiarato in più occasioni che consideri Brendon e ML come tuoi figli. Oltre all’amore per il cinema quanto c’è in ML di Claudio Chiaverotti? Ed in Brendon? Ti ritrovi più in uno o nell’altro?

Claudio: Per creare un personaggio che abbia una coerenza di fondo, devi senza dubbio mettere un po’ di te stesso. Brendon, data anche il tipo di ambientazione scelta era un personaggio molto più duro, quasi anaffettivo
ML è un personaggio con più astrattismo di fondo, sicuramente più tormentato e fragile; ha la passione per il cinema come sottolineavi, è l’ex proprietario di un cinema d’Essai , cosa che tra l’altro avrei sempre voluto avere, ma a causa dei costi elevati, un sogno mai realizzato (ride).
ML è inoltre immerso nel suo mondo metropolitano, che lo assorbe quasi totalmente dandogli forti paranoie, soffre di insonnia come me, e sempre come me soffre spesso di emicranie.
Qualcuno mi ha detto che Brendon mi somigliava perché veniva rappresentato con gli occhi segnati, cosa che spesso per svariati motivi ho anche io. ML dal canto suo, ha questa mascherina tatuata sugli occhi, e molti conoscenti dicono che in qualche modo mi rappresenta dal momento che porto quasi sempre gli occhiali da sole (complice una grossa timidezza, dice!). Inoltre nello studiare il personaggio in un primo momento avevamo pensato di fargli i capelli corti, ma ripensando alla sua insonnia ed alla conseguente vita notturna, un altro punto in comune con me, abbiamo deciso di fargli i capelli più lunghi, ispirandoci un po’ al mio ciuffo ed a quella sensazione di “scompigliatezza” ai capelli tipica di chi dorme poco e si alza più volte nella notte.
Diciamo che mi sento molto più vicino a ML che a Brendon, ma sono entrambi figli, appunto!

12380476_10208091178418845_827133797_n

Cap_P : Un’ultima domanda. Hai accennato alla mascherina: ho letto che qualcuno ha accostato il personaggio di ML ad altri celebri eroi dei fumetti con lo stesso stile di maschera come il Comico di Watchmen, Nightwings della DC o Bucky Burnes della Marvel, ma senza trovare una conferma. Sei un lettore di Comics? Avessi l’opportunità di scrivere una storia di qualche supereroe, quale ti piacerebbe raccontare?

Claudio : Leggevo fumetti sicuramente più da bambino, serie come spiderman, Thor o Batman e nonostante preferisca guardare film e serie TV , ancora adesso leggo fumetti. Sono più orientato a leggere in base agli autori che alle testate specifiche, ad esempio mi piace Ennis, ed ho amato particolarmente il suo Punitore.
Se dovessi scegliere però un eroe da scrivere, probabilmente opterei per Batman o Spiderman. Sarebbe molto bello.

Intervista del 10/12/15, presso Hotel Royal & Golf di Courmayeur.

Informazioni su capitano_phat

Nome: Patrick NickName: Capitan_Phat Età: imprecisata Altezza: 18 mele e poco più Peso: meno di quanto sembra Segni particolari: disegni indelebili sparsi un po’ qui ed un po’ li sul corpo Sport preferiti: football americano, basket, calcio, salto del tavolino ed atterramento sul divano, sollevamento pinta di birra Cibo preferito: birra Bevanda preferita: birra Birra preferita: birra Hobbies: lettura fumetti di ogni specie, TV series after hours , collezionista incallito Obiettivi per il 2015: Spodestare dal podio di grupie n.1 di Capitan America l’agente Coulson

2 commenti su ““Morgan Lost è proprio figlio di Claudio Chiaverotti”

  1. Mastro Birraio
    15 dicembre 2015

    Sono contento che l’idea che mi sono fatto di Morgan Lost sia coerente con le parole di Chiaverotti. Questo mi fa pensare a quanto sia davvero un lavoro fatto di cuore e mestiere. Ero rimasto un po’ deluso da Brendon sono curioso del proseguimento di questo nuovo personaggio

    Mi piace

  2. Cap_Phat
    15 dicembre 2015

    Ciao!
    L’impressione che mi ha dato durante l’intervista è proprio che abbia messo molto di lui in ML e forse questo “cuore e mestiere” , come hai scritto bene tu, danno un qualcosa in più all’opera.
    La ormai ventennale esperienza di Chiaverotti, e probabilmente l’esperienza di Brendon (che come detto dall’autore, tornerà con degli speciali a colori nel 2016) saranno sicuramente d’aiuto per una maggiore consapevolezza per lavorare alla nuova opera.
    A me è davvero piaciuto molto, e sono curioso di vedere come andrà avanti!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

Seguici su Twitter

Follow Nerd Rock Cafè on WordPress.com

I nostri amici

Tech and Games blog

Articoli, curiosità, recensioni su Tecnologia, Videogiochi, Applicazioni, Film e Serie Tv

EVERPOP

Books_Comics_Movies__TV Series

Capitan Daddy

Daddy & SuperHero

La Nicchia

fantastico italiano

Nerdy Geeky Mommy

Nerds - They're starting to breed

Lexah'arc

Forging Reality Through Words and Images

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

UnTipoQualunque

Cose che mi piacciono trattate con semplicità.

L'amore è la distanza di dieci giorni

Il blog di Tommaso Occhiogrosso

A Place For My Head

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto se stesso.

Batman Crime Solver

"Non è tanto chi sono, quanto quello che faccio, che mi qualifica" ________________________________________________ "It's not who I am underneath, but what I do that defines me." ("Batman Begins")

Ambassador

Un Manga. Italiano. Online. Gratuito. Devo dire altro?

IlBrancoDeiLupi

Io sono il Lupo la fame è mia compagna la solitudine la mia sicurezza. Io giaccio di notte freddo è il mio letto il vento la mia coperta. Io sono il silenzio un'ombra nella foresta impronte lungo il fiume. La mia corsa è un lungo inseguimento di scintille di fuoco dalla pietra focaia della notte. Io sono ucciso ma mai distrutto io sono il Lupo.

Le Terre dei Sogni

Libri, pensieri, parole e canzoni

Comic Playlist

il blog dei fumetti di Andrea Rock

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: